Qui trovi una selezione di testi trasmessi dal Dott. Celso Charuri, dal 1979 al 1981.

5 novembre 1981

Domanda: “Come si può esigere evoluzione o attitudini superiori in creature che stanno ancora in uno stadio evolutivo inferiore?” 

Gli stadi evolutivi sono realmente differenti e la semplice intellettualità non può portare all’intendimento di una profonda filosofia. 

Non è lo stesso uomo che va nel campo, sparge il seme e ritorna – o manda qualcuno indietro – nello stesso campo per raccogliere quelli che sono germogliati e già sono alberi?! E nel raccogliere quelli che sono alberi, lui disprezza il campo o continua a spargere semi? O ancora: tornando per verificare quelli che sono già alberi, non aiuta innaffiando quei semi che non sono ancora germogliati?! 

Quindi, sempre nel riconoscere i punti desiderabili, di virtù, che l’ambiente non ha e nel lottare per difenderli, starai o raccogliendo qualcuno che già è pronto, oppure spargendo il seme. 

– Ascolta, esiste una verità maggiore! Smetti di essere egoista! 

– Caspita, ho sempre pensato che non si debba essere egoisti, però non ho mai trovato un ambiente che potesse accogliere questo. 

– Tu sei un albero pronto. Anche tu lo capisci? 

– Ma è quello che stavo aspettando!!! 

Ho colto un albero pronto. 

Oppure, nell’altro caso, tu, nel manifestare il punto del tuo riconoscimento, starai seminando: 

– Ascolta, tu devi smettere di essere egoista. L’egoismo non è buono per questo, questo, questo. 

– No, no, no…! Bene… ci penserò su…! 

Ho gettato un seme. 

Nel caso in cui questo non si faccia, restiamo fermi nel tempo aspettando che tutti evolvano naturalmente. Evolveranno naturalmente, ma dobbiamo logicamente considerarci omessi una volta che, se l’evoluzione è in processo, è perché qualcuno sta seminando e non siamo noi. Pertanto, dovremo considerarci omessi. 

Visto ciò, spetta a colui che vuol dare una minima parte di contributo per un Mondo Migliore prendere un punto che riconosca sbagliato e, con tutta la conoscenza che ha e che acquisirà, lottare. Ma, chiaro, prima sia d’esempio e quindi lotti per eliminare quel punto. 

Questo significa che tu avrai già eliminato il punto in te? No. Ma tu preparerai il campo, seminerai molti e raccoglierai molti! Così, tu starai sempre facendo il Bene e questo ti distinguerà a livello evolutivo. 

 

DOTT. CELSO CHARURI
Ideatore e Fondatore della PRÓ-VIDA

© Associazione PRÓ-VIDA – São Paulo – SP – Brasile. Vietata la riproduzione di parte o di tutta questa opera senza previa autorizzazione.