Qui trovi una selezione di testi trasmessi dal Dott. Celso Charuri, dal 1979 al 1981.

13 novembre 1981

Questa qui è una coppa da gelato di cartone. E questa, una coppa da gelato di cristallo. 

Tu sei il cliente. Qual è la mia attività?! Fare gelati. Fare gelati è la proposizione. Bene, se io prendo questa coppa di cristallo e ci metto il gelato, io sto dividendo, sto trascurando e perfino, in un certo senso, sto impedendo che la mia mente articoli meglio per darmi maggiore creatività nel mio reale proposito: fare gelati.

Perché? Perché, mettendo il gelato in una ciotola di cristallo, posso inconsciamente smettere di avere la creatività che renderà il gelato ancora migliore, perché la ciotola, in un certo senso, sostituisce o completa la vendita. È quello che penso. E poi il gelato non esce bene, perché mi fido della ciotola, perché non do tutto per fare il gelato, perché ho dimenticato che il mio vero scopo era di essere un gelatiere. E poiché ho dimenticato il mio vero scopo, la mia reale capacità, confido nella capacità di qualcos'altro, che può o meno rendere possibile il raggiungimento dello scopo totale che spero.

Tuttavia, se inizio a servire il gelato in questa ciotola di cartone, il gelato sarà il migliore possibile, perché non ci sarà nulla che ti aiuti, non ci saranno bastoncini o supporti.

E se il gelato è davvero buono, buono, buono, chi vince davvero? Io, perché sono soddisfatto. L'ho fatto davvero senza l'aiuto di cose esterne. Ho fatto quello che volevo. Quindi sono soddisfatto. Non dipendevo da niente. Ho persino aumentato la mia creatività. Ho lasciato beneficiato. E il pubblico, quello che è venuto da me, ha anche beneficiato del mio coraggio, impegno e intelligenza.

DOTT. CELSO CHARURI
Ideatore e Fondatore della PRÓ-VIDA

© Associazione PRÓ-VIDA – São Paulo – SP – Brasile. Vietata la riproduzione di parte o di tutta questa opera senza previa autorizzazione.